Monthly Archives: April 2009

Selection of AC-DC Power Adapters Regulated vs Unregulated

Mi è capitato diverse volte di sentire da alcuni miei amici giudizi negativi su prodotti elettronici che io stesso possedevo e trovavo di estrema qualità.

La cosa mi incuriosiva e dopo alcuni indagini in diverse occasioni ho scoperto che per diversi motivi, gli apparati venivano utilizzati con alimentatori DC non originali, vuoi perchè l’originale si era rotto o vuoi perchè l’originale viene dall’estero e usa un ingresso diverso da quello del proprio Paese.

Nulla di male in tutto questo, se non fosse che nella scelta dell’alimentatore dell’apparato si era tenuto conto esclusivamente di avere un voltaggio identico all’originale e un amperaggio uguale o superiore.

Succede così che un ottimo telefono VoIP come il Polycom, collegato all’alimentatore di un rasoio elettrico (per fare un esempio) vada in continuo crash, perda la memoria, bruci il display a led (sempre per fare un esempio).

Questo articolo spiega estremamente bene come scegliere un alimentatore adatto al proprio apparato:

Selection of AC-DC Power Adapters Regulated vs Unregulated.

Per riassumere l’articolo: un alimentatore DC non stabilizzato con un output da 9 volt / 500 mAh ha in uscita 9 volt solo quando viene assorbita una corrente di mezzo Ampere. Se viene assorbito meno di mezzo Ampere, il voltaggio è molto più alto.

Se per esempio prendiamo un alimentatore non stabilizzato da 9 volt, lo colleghiamo alla presa di corrente di casa e misuriamo l’output senza mettere alcun carico sull’uscita, potremmo vedere sul nostro voltmetro un output anche di 14 volt.

Un alimentatore stabilizzato invece ha sempre lo stesso voltaggio in output, indipendentemente dalla corrente assorbita dal carico.

In conclusione ecco due regole d’oro da seguire quando si deve sostituire un alimentatore:

  • se dobbiamo sostituire un alimentatore non stabilizzato possiamo scegliere o un alimentatore stabilizzato di uguale voltaggio e amperaggio uguale o superiore all’originale, o un alimentatore non stabilizzato di identico voltaggio e amperaggio.
  • se dobbiamo sostituire un alimentatore stabilizzato dobbiamo usare un alimentatore stabilizzato di identico voltaggio e amperaggio uguale o superiore all’originale

Un voltmetro è sempre utile :)

Share

Canon PIXMA MP620 Linux printing and scanning via wireless network on Ubuntu

 

Intro

Got this new All-in-One and it is pretty cool. It’s cheap and it has almost everything I need: wifi connectivity, 1200 dpi resolution scanner, high resolution photo printing, direct copy from scanner.

It also has got some bonuses: you can connect a memory card or a USB Drive key to the printer and read/write to it over LAN/WiFI as a samba share. Pretty neat! I didn’t test it yet though, so no promises (WILL UPDATE SOON).

Unfortunately, using this printer under Linux still requires some tweaking and it’s by no means straightforward, hence this post.

Before you start, do yourself a favour and save considerable time: grab a Windows or MacOSX box and set up the printer for wireless operation. There are other ways to do this under Linux, but they are more complicated.

This howto assumes that you are already able to print a test page from your Windows/MacOSX box over your LAN/WLAN.

Printing from Ubuntu Linux

WARNING: I only tested this under Ubuntu Jaunty.

You should already have CUPS installed. If not, install it now.

Also install the development files and everything needed to compile programs on your machine:

Download the cups-bjnp driver from: http://sourceforge.net/projects/cups-bjnp/

Unpack, configure, compile, install:

Go to Canon Support Australia and download the cnijfilter driver from:

IJ Printer Driver Ver. 2.80 for Linux(debian Common package)

IJ Printer Driver Ver. 2.80 for Linux(debian Package for the MP610 series)

Install them with:

Download the PPD and conf files from my website:

canonmp620-630en.ppd
cifmp610.conf

Copy the ppd and conf file to the proper location:

Restart CUPS:

Turn on the printer and check that you can ping it from your PC.

Open CUPS web interface in your browser: http://127.0.0.1:631

Choose “Add Printer”, give it an alphanumeric name (without spaces) and push “Continue”. On the following page you will be able to choose the “Device”. Pull down the list and select the following entry:

Canon MP620 series ip-address

Click “Continue” and at the next screen select:

from the list. Be careful: do NOT search for Canon PIXMA something, search for Canon MP620-630, without the PIXMA bit!

When asked for a login and password, use whatever you configured CUPS to use: by default login is root and password is your root password.

Thumbs up! We are done :-) You can optionally fine tune some settings in CUPS and then print a test page.

Scanning from Ubuntu Linux

Sane will support the Canon PIXMA MP620 scanner starting from version 1.1 . If your distro doesn’t support this scanner out of the box, like in our case, you’ll have to compile the latest CVS snapshot of sane-backends by yourself.

First install some packages required for compilation:

Download the latest sources via CVS:

Compile:

That’s all!

Thanks to…

Michael Krueger (printing): http://www.michael-krueger.org/2009/01/how-to-use-canon-pixma-mp620-with.html

Nicolas (scanning): http://mp610.blogspot.com/

Share

Canon PIXMA MP620 e cartucce CLI521 e CLI520 compatibili

Dopo anni e anni di rincorse all’ultimo dpi, siamo finalmente giunti alla fine della guerra delle stampanti.

Ogni giorno, il dirigente del reparto stampanti di ogni grande multinazionale di elettronica si sveglia e pensa: come faccio a far fare soldi alla mia azienda su un prodotto che ha bassi costi di produzione, tutti già possiedono, è in grado di fare tutto ciò che è possibile immaginare e nessuno sente la necessità di sostituire?

Idea: aumentiamo il prezzo dei componenti che devono essere sostituiti periodicamente!

È così che il nostro caro dirigente decise una nuova strategia di marketing: il prezzo delle cartucce di inchiostro presenti in una stampante deve rispettare la formula: Prezzo Stampante * 80/100 .

Facile. Compro la stampante, stampo 200 pagine (a volte anche meno), l’inchiostro finisce, sostituisco le cartucce e spendo quanto per una stampante nuova.

Bloody Expensive Ink
Bloody Expensive Ink

L’immagine si riferisce all’inchiostro HP, ma si potrebbe applicare al 99% dei produttori.

Nel caso di Canon, ad esempio, ci sono delle fantastiche cartucce CLI521 / CLI520 dotate di chip che contengono ben 12ml di inchiostro ciascuna e messe assieme costano più di 60€.

Lo scopo di questo post è di avvisare tutti colori che posseggono queste cartucce: non gettatele una volta esaurite!

Il chip può essere facilmente estratto con un taglierino, è sufficiente tagliare due tappini di plastica che tengono il chip incastrato nella cavità della cartuccia.

Una volta estratto, il chip si può appiccicare con del nastro biadesivo alle cartucce compatibili – io ho comprato le ORINK – et voilà! Il gioco è fatto.

Le cartucce compatibili hanno due sporgenze di plastica sulle quali incastrare il chip. Per sicurezza tuttavia è meglio apporre del nastro biadesivo sulla parte posteriore del chip, per assicurarsi che non vada perso.

Non è richiesta l’uso di alcun saldatore o attrezzo speciale, l’operazione è veramente alla portata di tutti.

Sconsiglio vivamente di usare i kit di ricarica dell’inchiostro per queste cartucce in quanto l’operazione è molto più complicata di quanto potrebbe sembrare e il risultato – almeno nel mio caso – è stato un mare d’inchiostro e zero pagine stampante.

Una volta eseguita la sostituzione delle cartucce con quelle compatibili “chippate”, la stampante vi avviserà che non è in grado di riconoscere il livello di inchiostro nelle nuove cartucce: il chip infatti si ricorda che la cartuccia vecchia era scarica e “non capisce” come sia possibile che ora sia nuovamente piena.

ERROR U130: The remaining ink level cannot be correctly detected. Replace the ink tank and close the Scanning Unit (Printer Cover). Printing with an ink tank that was once empty may damage the machine.

Per convincere la stampante ad accettare la nuova cartuccia, dovete semplicemente premere il tasto “Stop/Reset” (rosso, sulla destra) per 5 secondi senza interruzione.

Ripetere l’operazione per ogni cartuccia.

Buona stampa!

Share